Blog

Concimare!

Concimare! La nostra ricetta

Coltiviamo principalmente piante in contenitore, e queste più di quelle in terra hanno bisogno di attenzioni e di nutrimento. Cenere, stallatico, macerati vegetali, humus, compost … abbiamo sperimentato e sperimentiamo continuamente per garantire a tutte le nostre piante le migliori condizioni: se una pianta è nutrita correttamente non si ammalerà e riuscirà meglio a resistere agli attacchi parassitari.

Da sempre cerchiamo di usare solo ingredienti naturali nel nostro cortile. Noi personalmente preferiamo non esporci a sostanze tossiche e mai vorremmo che lo fossero i nostri figli o i nostri animali. Non rifiutiamo il progresso, anzi, siamo grati alla chimica, a cui ci rivolgiamo però solo in casi estremi e solo dopo aver cercato un’alternativa biologica sostenibile. In generale per le concimazioni possiamo dire che si riesce sempre bene con quello che la natura ci offre senza essere scienziati.

I concimi naturali non sono facili da utilizzare ma nessun concime è facile da utilizzare a meno di non essere dei chimici e non avere a disposizione un laboratorio di analisi da cui avere le precise caratteristiche chimiche e fisiche del substrato di coltivazione e dell’acqua di irrigazione, avere dati costantemente aggiornati su umidità e temperatura, avere la possibilità di controllare tutti questi parametri … hohwww (sbadiglio – ndr) … conoscere i fabbisogni nutrizionali e ambientali della pianta …. bla bla bla … conoscere le caratteristiche del fertilizzante … sto dormendo, la mia pianta si è seccata e ho causato un disastro ambientale!

Il giardinaggio è un mondo poetico e “slow”, mai noioso, ci sono tante persone che studiano e sperimentano per noi e ci mettono a disposizioni tante informazioni e tanti prodotti per poter crescere al meglio le nostre piante e godercele sempre in ottima forma. Con un po’ di costanza, senza eccessi, i risultati ci sono.

La nostra ricetta di base è fatta di stallatico, dermazoto, cenere e concime liquido bio.

A fine inverno o inizio primavera, tra febbraio e marzo qui nei dintorni di Roma, momento importante perché segna la ripresa vegetativa delle piante, noi procediamo ai rinvasi, e per un vaso di circa 20 cm di diametro utilizziamo del buon terriccio mescolato a una generosa manciata di stallatico pellettato, una di dermazoto e una di cenere di legna.

Durante tutta la stagione di crescita, mediamente tra marzo e settembre, concimiamo settimanalmente alternando una volta concime liquido bio e una volta una (sempre generosa) manciata di stallatico. Di fertilizzanti liquidi ce ne sono diversi in commercio e per ognuno vanno seguite le dosi consigliate, lo stallatico va interrato leggermente e subito bagnato.

A fine stagione, in genere seconda metà di ottobre, diamo un paio di manciate di cenere di legna, in questo modo le piante sono pronte per affrontare l’inverno.

Questa è una ricetta di base che va bene per tutte le piante non acidofile, per alcune piante aggiunte di nutrienti o modifiche ai periodi di somministrazione sono consigliabili, ma contiamo di pubblicare prossimamente sul nostro blog approfondimenti dedicati alle piante che coltiviamo e di cui abbiamo esperienza.

Il tuo feedback e la tua partecipazione sono un valore per noi. Saremo felici di sapere se questo articolo ti è stato utile, se lo hai apprezzato, se hai domande o altre curiosità, se hai una tua ricetta da condividere con noi e con gli altri lettori.